Select Page

Andrea Mazzella

Professional nature photography

I come from no country, no city, no tribe. I am the son of the road, my country is the caravan, my life the most unexpected of voyages

Amin Maalouf

Natura

“Until one has loved an animal, a part of one’s soul remains unawakened.”

― Anatole France

Altre foto

Paesaggi

“Landscape photography is the supreme test of the photographer – and often the supreme disappointment. ”

― Ansel Adams

Altre foto

Popoli

“It’s one thing to make a picture of what a person looks like, it’s another thing to make a portrait of who they are.”

— Paul Caponigro

Altre foto

La Mostra “Donne d’Africa” al PAN Napoli

L’Africa è donna e le donne sono l’Africa, negli scatti di Andrea Mazzella è contenuto, l’amore, la vita, il sacrificio, la concretezza ed il sogno delle protagoniste senza tempo del continente africano. Lavoro, sorellanza, maternità, danze, riti, giochi, sudore e passione, il piccolo grande universo delle donne d’ebano. Sulla testa il carico del lavoro, dietro la schiena la generazione del futuro, donne su cui tutto poggia, da cui tutto ha origine.

Andrea Mazzella (Napoli, 1976) vive e lavora in Trentino. Fin da giovanissimo si dedica alla sua grande passione: i viaggi nei luoghi più lontani e remoti del pianeta raggiunti con ogni mezzo, collezionando scatti in ogni angolo del globo. In Africa, dove viaggia in oltre 15 Paesi, si appassiona alle etnie della Rift Valley e della fascia sub-equatoriale; l’idea comune di ogni viaggio è quella di avvicinare, raccogliere e custodire la preziosa testimonianza di popoli e tribù le cui tradizioni stanno ormai scomparendo a causa di un processo di “civilizzazione” irreversibile quanto irrinunciabile.

Press

Novità

Andrea Mazzella

Andrea Mazzella (Napoli, 1976) vive e lavora in Trentino. Fin da giovanissimo si dedica alla sua grande passione: i viaggi nei luoghi più lontani e remoti del pianeta raggiunti con ogni mezzo, collezionando scatti in ogni angolo del globo. In Africa, dove viaggia in oltre 15 Paesi, si appassiona alle etnie della Rift Valley e della fascia sub-equatoriale; l’idea comune di ogni viaggio è quella di avvicinare, raccogliere e custodire la preziosa testimonianza di popoli e tribù le cui tradizioni stanno ormai scomparendo a causa di un processo di “civilizzazione” irreversibile quanto irrinunciabile.

15 + 6 =

error: This content is protected with copywright